Disbiosi intestinale e alti livelli di prolina aprono la strada alle infezioni da C. difficile

Mayo Clinic, Rochester, Minnesota (studio originale)

• Disbiosi e C. difficile
• Lo studio sui topi
• La prolina favorisce C. difficile
• Il trapianto di microbiota può essere d’aiuto
• Cosa emerge

[creativ_accordion][creativ_toggle accordion=”1″ icon=”ok” heading=”Stato dell’arte” onload=”open”]Clostridioides difficile (precedentemente noto come Clostridium difficile) è un agente patogeno opportunistico che causa diarrea grave e talvolta pericolosa per la vita. Le alterazioni nella struttura del microbiota intestinale possono creare un ambiente favorevole per C. difficile, ma i fattori metabolici che contribuiscono allo sviluppo dell’infezione da C. difficile non sono ancora chiari.[/creativ_toggle][creativ_toggle accordion=”1″ icon=”ok” heading=”Cosa aggiunge questa ricerca” onload=”open”] Nei topi, l’alterazione del microbiota intestinale consente a C. difficile di prosperare attraverso l’aumento dei livelli dell’aminoacido prolina. Lo studio ha anche esaminato i pazienti con diarrea e ha identificato i fattori di rischio che potrebbero predire la disbiosi microbica e spiegare perché alcune persone potrebbero essere più suscettibili all’infezione da C. difficile.[/creativ_toggle][creativ_toggle accordion=”1″ icon=”ok” heading=”Conclusioni” onload=”open”]Identificare i fattori che contribuiscono all’infezione da C. difficile potrebbe portare a nuovi approcci terapeutici.[/creativ_toggle][/creativ_accordion]

 

Nei topi, una composizione alterata del microbiota intestinale porta a un aumento di alcuni amminoacidi, in particolare della prolina, che viene utilizzata come fonte alimentare dall’agente patogeno opportunistico C. difficile. Una nuova ricerca dimostra che questo conferisce al microbo un vantaggio competitivo e favorisce lo sviluppo dell’infezione da C. difficile.

Lo studio, condotto da Eric Battaglioli, della Mayo Clinic di Rochester in Minnesota, è stato pubblicato su Science Translational Medicine.

Il C. difficile può causare diarrea grave e talvolta pericolosa per la vita. Le alterazioni della comunità microbica dell’intestino, per esempio a seguito dell’assunzione di antibiotici, possono ridurre la diversità microbica intestinale e la produzione di metaboliti inibitori.

Questa situazione crea un ambiente favorevole per C. difficile, ma i fattori metabolici che contribuiscono allo sviluppo dell’infezione da C. difficile non sono ancora chiari. Per caratterizzare questi fattori, i ricercatori hanno condotto esperimenti su uomini e topi.

Microbiota intestinale e diarrea, la disbiosi  è simile a quella da C. difficile

Il team ha analizzato la composizione microbica intestinale di 115 persone con diarrea. Il microbiota intestinale poteva essere diviso in due gruppi: un microbiota sano, simile a quello delle persone sane, e un microbiota disbiotico, che era simile a quello delle persone con infezione da C. difficile.

Cinque fattori hanno predetto la disbiosi nelle persone con diarrea: assunzione di antibiotici nelle precedenti 3 settimane, immunosoppressione, ospedalizzazione attuale o recente e precedente infezione da C. difficile.

La disbiosi intestinale facilita l’infezione da C. difficile

Per testare gli effetti della disbiosi sulla suscettibilità all’infezione da C. difficile, i ricercatori hanno trasferito il microbiota intestinale da due individui disbiotici e da due persone sane in topi privi di germi. Quindi, hanno dato C. difficile ai roditori.

Rispetto ai topi che hanno ricevuto un microbiota intestinale sano, quelli che hanno ricevuto il microbiota disbiotico hanno mostrato:

  • carichi significativamente più alti di C. difficile nelle feci
  • consistenza delle feci più morbida
  • quantità aumentate di tossina B di C. difficile nelle feci
  • infiammazione aumentata
  • livelli più elevati di citochine associate a infezione da C. difficile nel colon

Un microbiota intestinale disbiotico e stato metabolico

Successivamente, il team ha utilizzato la trascrittomica, la metabolomica e la risonanza magnetica nucleare per analizzare le feci di topi disbiotici e sani e definire i fattori che favorivano l’infezione da C. difficile.

Rispetto ai topi sani, i topi disbiotici hanno mostrato:

  • ridotta espressione di diversi geni legati alla captazione e al metabolismo degli aminoacidi, nonché produzione di acidi grassi a catena corta e di acidi biliari secondari
  • aumento dei livelli di 12 aminoacidi, in particolare della prolina.

Studi precedenti hanno dimostrato che gli aminoacidi modulano la produzione di tossine e supportano l’infezione da C. difficile nei topi trattati con antibiotici. Così il team si è proposto di valutare la crescita di C. difficile in un mezzo con concentrazioni di aminoacidi decrescenti. L’agente patogeno è cresciuto meglio a concentrazioni di amminoacidi più alte, il che suggerisce che la disponibilità di amminoacidi gli conferisce un vantaggio competitivo in condizioni permissive, come bassi livelli di acidi biliari secondari.

La capacità di usare la prolina dà a C. difficile un vantaggio competitivo in caso di disbiosi

È stato dimostrato che C. difficile è in grado di utilizzare l’amminoacido prolina come unica fonte di energia. In effetti, i ricercatori hanno scoperto che sia i topi disbiotici sia quelli sani avevano una maggiore espressione di prdA, un enzima che contribuisce al metabolismo della prolina.

Tuttavia, nei topi sani tre specie batteriche commensali hanno espresso prdA, mentre nei topi disbiotici solo C. difficile l’ha espressa.

Inoltre, i topi nutriti con una dieta priva di prolina avevano un carico di C. difficileinferiore di cinque volte rispetto ai topi alimentati con una dieta normale.

Il trapianto di microbiota riduce la prolina libera e la suscettibilità all’infezione da C. difficile

Infine, per determinare se il trapianto di microbiota fecale potrebbe ridurre il C. difficile suscettibile nei topi disbiotici, il team ha trasferito il microbiota intestinale di una persona sana a topi disbiotici e sani.

Mentre il microbiota intestinale di topi sani è rimasto invariato dopo il trapianto, quello dei topi disbiotici è aumentato in ricchezza microbica.

I topi disbiotici sono diventati resistenti all’infezione da C. difficile, senza segni di infiammazione intestinale e senza C. difficile nelle feci. In questi topi, il trapianto fecale ha comportato anche una significativa diminuzione della prolina libera.

In sintesi, lo studio mostra che l’ambiente metabolico generato dalla disbiosi microbica intestinale può modulare la suscettibilità all’infezione da C. difficile. Lo studio ha anche individuato potenziali fattori associati alla disbiosi e all’infezione da C. difficile, che potrebbero portare a nuove strategie di prevenzione e trattamento. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare questi fattori in diverse coorti di pazienti.

Traduzione dall’inglese a cura della redazione di microbioma.it

Articolo tratto da: https://microbioma.it/gastroenterologia/disbiosi-intestinale-e-alti-livelli-di-prolina-aprono-la-strada-alle-infezioni-da-c-difficile/

Probios

Descrizione Prodotto:

Probios è un integratore alimentare che grazie ai suoi contenuti in pre e probiotici assicura un buon funzionamento intestinale, incrementando così sia lo stato di benessere, sia le naturali difese immunitarie dell’organismo.

Lo stile di vita moderno, caratterizzato da ritmi stressanti, alimentazione frettolosa e poco variata (ricca in grassi animali, zuccheri raffinati e alcool, e povera dei carboidrati complessi di verdure, legumi e cereali), diete sbagliate ed abuso di farmaci, in particolare di antibiotici, si viene spesso a creare uno squilibrio nell’ambito della flora intestinale, chiamato disbiosi intestinale. La disbiosi intestinale può essere considerata la causa principale di molti problemi più generali di salute quali: disturbi della pelle, infezioni micotiche (es.vaginali come la Candida albicans), infezioni batteriche, stanchezza cronica, problemi digestivi, disfunzioni epatiche, gonfiori addominali, allergie alimentari ecc.

Utile nei casi di:

  • Impoverimento della flora batterica intestinale.
  • In presenza di stipsi o diarrea.
  • Nei casi di disbiosi intestinale provocata da: stress, diete sbagliate, uso di antibiotici e presenza di batteri patogeni e virus.
  • Indebolimento delle difese immunitarie.
  • Cattivo assorbimento dei nutrienti.

https://www.dna-solutions.it/IRS032/prodotto/probios

Zeolith Med – Detox – Polvere

120 g in Polvere

Prezzo € 34,65 invece di € 38,50 Sconto 10 %

Informazioni aggiuntive

Descrizione di Zeolith Med – Detox – Capsule

Zeolite Capsule lo specialista nella disintossicazione quando si è fuori casa per la disintossicazione naturale tramite il legame di mercurio, piombo, cadmio, ammonio e istamina

Grazie al loro utilizzo semplice e pratico, le capsule Zeolite sono ideali per quando si è fuori casa. Rilasciano il loro contenuto nello stomaco, in modo tale da permettere alle proprietà che legano gli elementi nocivi, di cominciare ad agire fin dal tratto digestivo medio

La materia prima dell’involucro delle capsule è la cellulosa. La polvere ultra fine Zeolite presente all’interno dell’involucro delle capsule è costituita da un minerale di origine vulcanica, naturale al 100%, senza additivi o aggiunte. Nonostante la sua finezza, la Clinoptilolite-Zeolite non contiene nanoparticelle.

La Clinoptilolite-Zeolite naturale è anorganica, non biodegradabile e possiede una capacità di adsorbimento selettivo molto alta, come anche una funzione di setaccio molecolare di varie materie , ragion per la quale è adatta per la detossicazione (disintossicazione). Troverete maggiori informazioni nelle descrizioni dei prodotti.

Zeolite MED® è un bioregolatore naturale per tutta la famiglia a scopo di prevenzione, di terapia e accompagnamento della cura.

Zeolite MED ® è facile da usare è ben tollerato dall’organismo grazie ai suoi composti naturali.

Scopi

Tramite il legame (adsorbimento) di

  • ammonio
  • metalli pesanti (mercurio, piombo, cadmio)
  • istamina

così come grazie all’effetto ostacolante della crescita di

  • batteri (Pseudomonas aeruginosa, Escherichia coli, Staphylococcus aureus)
  • funghi (Candida albicans, Aspergillus brasiliensis)

Zeolite MED® può essere usato per alleggerire il carico del fegato tramite la detossicazione del tratto intestinale.

Indicazione terapeutica

Zeolite MED® può essere utilizzato per la prevenzione e l’alleviamento dei sintomi relativi alle seguenti patologie:

  • Allergie
    p.es. Rinite allergica, Vomito, Diarrea, Congiuntivite, Dermatite atopica, Dermatite da contatto, Orticaria, Asma
  • Intolleranze alimentari
    p. es. Sindrome del Leaky Gut
  • Intolleranza all’Istamina
    p.es. Problemi di digestione, Mal di testa, Stati di esaurimento, Eritema, Prurito, Eczema, Problemi di respirazione, Edema
  • Malattie del fegato
    p.es. Burnout, Depressioni, Disturbi del sonno, Epatite, Steatosi epatica, Cirrosi epatica
  • Malattie della parte alta degli organi digestivi
    p.es. Infiammazioni nella bocca e gola, Disturbi cronici di stomaco, Bruciore di stomaco
  • Malattie causate da inquinamento di metalli pesanti
    p.es. Malattie neurodegenerative, Sterilità, Ipertensione, Aritmie cardiache, Depressione
  • Per l’alleggerimento dopo terapie di antibiotici o chemioterapie

Regolarità, Frequenza e Tempi d’utilizzo

La regolarità nell’utilizzo influenza l’efficacia, mentre interruzioni la possono diminuire.

Individuate semplicemente qui sotto l’arco di tempo adatto a voi.

Secondo Karl Hecht, Dr. med. Dr. med. abil. Prof. per Neurofisiologia emerito Prof. per fisiologia sperimentale e clinico patologica alla Charité / Università di Humbold di Berlino, cronobiologicamente si consigliano le seguenti ore del giorno:

  • ore 6 – 8
  • ore 13 – 15
  • ore 18 – 20
  • per la cura notturna: ore 22

Dosaggio e Durata

Se non diversamente prescritto dal vostro terapeuta, una cura dovrebbe coprire almeno un arco di 40 giorni o anche di più. Vi preghiamo di iniziare con una frequenza di utilizzo di una volta al giorno. In caso di necessità potete aumentare lentamente la frequenza fino a due, al massimo tre volte al giorno.

Se non prescritto diversamente dal vostro terapeuta, potete assumere, a seconda le necessità 1 o 3 volte al giorno, 1–2 capsule di Zeolith MED® 30 minuti prima o dopo i pasti con 200 ml d’acqua, fino ad un massimo di 6 capsule al giorno.

Nel caso di trattamento di bambini siete pregati di consultare il vostro terapeuta prima di utilizzare Zeolite MED® in dosaggio adeguato.

Interazione con altri medicinali

Dopo l’assunzione di medicinali si consiglia di rispettare un intervallo di tempo di almeno due ore. Evitare bibite alcoliche o contenenti caffeina e acidi come succo di pompelmo, arance, limone e ananas.

Effetti collaterali

Raramente si possono manifestare forme di stitichezza, come conseguenza dell’assunzione di una dose insufficiente di liquidi. Questo effetto dipende dal dosaggio e può essere evitato tramite un rifornimento sufficiente di liquidi e la riduzione del dosaggio. In caso di stitichezza si consiglia di aumentare il rifornimento di liquidi e di abbassare il dosaggio e, in caso, di consultare il terapeuta.

Approfondimenti

La Zeolite attivata: un ottimo integratore

La Zeolite attivata: un ottimo integratore

Dall’incontro tra la lava incandescente dei vulcani e l’acqua salmastra dei mari nasce la zeolite, un minerale dall’intensa attività depurativa.

La zeolite si distingue per la struttura  microporosa: è costituita da migliaia di canali, in grado di legare rilevanti quantità di tossine e metalli pesanti.

Le 10 proprietà della Zeolite

1. Depurante: assorbe tossine, metalli pesanti, e prodotti chimici, allontanandoli dall’organismo.

2. Antiossidante: neutralizza i radicali liberi

3. Alcalinizzante: contribuisce attivamente al mantenimento dell’equilibrio fisiologico

4. Migliora le prestazioni mentali, ma anche fisiche

5.E’ un’alleato della pelle: allevia acne, psoriasi ed eczemi, dermatiti e gonfiori

6. Immunostimolante

7. Supporto al tratto gastrointestinale: regola il metabolismo, migliora la digestione e contrasta gastriti e ulcere.

8. Aumenta la fertilità

9. Antitumorale: potenzia l’attività di chemio e radioterapia; al contempo indebolisce le cellule tumorali.

Ma il vantaggio più grande della Zeolite è che questo minerale non viene assorbito dal tratto gastro-intestinale, pertanto non è tossico. Essa semplicemente riduce la presenza di elementi dannosi nell’organismo (azione disintossicante e protettiva) e evita l’assorbimento di questi elementi dannosi da parte dei tessuti (azione preventiva)

Chi usa la Zeolite?

La Zeolite viene utilizzata da molto tempo per aiutare le vittime di radiazioni atomiche: fu utilizzata ad Hiroshima e Nagasaki, in seguito a Chernobyl, e nel 2011 la Tepco l’ha utilizzata per ripulire il mare dalle radiazioni in seguito al disastro di Fukushima.

Gli integratori a base di zeolite sono consigliati in particolar modo a:

  • Sportivi: incrementa le prestazioni, diminuisce l’acido lattico e i tempi di recupero
  • Lavoratori e studenti: aumenta la concentrazione e riduce la sensazione di stanchezza
  • Persone stressate, convalescenti, anziani

L’unica accortezza da avere quando si assume Zeolite è.. bere molta acqua: infatti il suo elevato potere assorbente può comportare stitichezza.